L’Italia nel cuore !

Danielle Dufour-Verna

« L’arte è il modo per poter decifrare il mondo, il modo per poter avere un’identità »

« La bellezza fa parte della vita in Italia. »

Fellini Magazine –Danielle Dufour-Verna: Hello Ariane. Puoi parlarmi della tua attualità ?

Ariane Ascaride -Dal momento che il teatro sta riaprendo, riprenderò lo spettacolo che sto facendo a teatro a Parigi, di Simon AbkarianLe dernier jour du jeûne’(L’ultimo giorno di digiuno). Ricominciamo. Reciteremo fino al 2 gennaio 2021 dato che avremmo dovuto recitare dal 16 ottobre al 2 gennaio, ma con tutti questi problemi è stato complicato ma penso che riprenderemo lo spettacolo. Sono molto felice di essere tornato a fare questo spettacolo perché è uno spettacolo in cui siamo numerosi sul palco e che ci sta molto a cuore. Poi girerò un film di un giovane regista chiamato Ilan Klipper con Camille Chamoux e Damien Bonnard. Poi ho un progetto cinematografico molto carino con Camille Japy e uno spettacolo a Brest per il momento, ma che dovrò rimandare. Dato che è un po ‘un casino, tutti i teatri, i cinema, hanno dovuto chiudere, tutta la programmazione è un po’ affollata, penso tra me e me che forse rimanderò questo spettacolo. Mi farà bene perché lavoro molto. Il teatro vivente sta attraversando una crisi molto difficile. È molto difficile per molte compagnie giovani, molto difficile per molti attori, attori giovani, attori non così giovani. L’aiuto che viene fornito, come spesso mi viene detto “ma in altri paesi, non c’è aiuto” va bene, ma non sono io quella che guarda in basso, sono quella che guarda in alto. Quindi se abbiamo aiuti grazie a persone che prima di noi hanno lottato perché potessimo avere uno statuto speciale, resta il fatto che non salveranno tutti, anzi per niente.

DDV – Credi, Ariane, che la cultura sia imbavagliata?

Ariane Ascaride– Oh, non è che sia imbavagliata, è che è disprezzata. Vale a dire che le persone che oggi sono a capo dello Stato, o anche a capo dell’Europa, perché va oltre, non vedono più, o non sanno , o non hanno mai conosciuto, l’importanza della cultura e soprattutto l’importanza dell’arte. È vero che parliamo di cultura, è vero che lotto tanto per questa, ma c’è una cosa di cui parlare ed è l’arte.L’arte è creazione e non possiamo vivere senza arte. Semplicemente non è possibile. È come mangiare e bere. Le persone ti diranno di mangiare e bere prima. Certo. Per prima cosa devi guarire te stesso. Certo, sono d’accordo, ma devi anche avere accesso alla conoscenza, quindi alla cultura e l’accesso alla conoscenza, che passa attraverso l’arte. L’arte è il modo per poter decifrare il mondo, il modo per poter avere un’identità. Non solo per chi lo pratica ma anche per chi viene a partecipare facendo lo spettatore in un museo, in una sala da concerto, in un teatro o altrove. Quindi è solo di base. Non possiamo vivere senza arte, non possiamo vivere. È tutto. Una società dove non c’è più musica, dove non c’è più letteratura, dove non c’è più teatro, cinema, ecc. che sono i principi della creazione, è una società morta. Siamo esseri umani. Non siamo bestie – dico tutto questo con enorme rispetto per le bestie perché le amo molto. Anche se, quando lavori con le scimmie, ti rendi conto che a loro piace molto la musica, non solo le scimmie. Siamo governati da persone che sono solo in una logica di profitto e che non possono pensare che si possa fare profitto altrimenti. La cultura porta molti soldi. In Francia, in ogni caso, 22 miliardi all’anno. Questo è quello che si deve sapere: 22 miliardi all’anno. Siamo quindi una grande industria. Ma siamo ancora trattati come piantagrane, esseri di intrattenimento, ma non è così che funziona.

DDV – Se la cultura porta 22 miliardi all’anno, perché disprezzarla così tanto, per paura di chi la divulga?

Ariane Ascaride – Non è nemmeno che hanno paura. Sì, certo, l’arte è sempre inquietante. È soprattutto che non si ha una propria cultura e che si ha solo una cultura ben definita che è la cultura della borghesia. Vale a dire, siamo in parametri che abbiamo imparato da piccoli, riproduciamo semplicemente quei parametri. Non ci chiediamo come la cultura possa essere diversa e che sia da questa diversità che nasce la ricchezza di un Paese. Sono stato in giro per il mondo con i film e la prima cosa che mi hanno detto tutto il tempo è “Ah! Francia, paese di cultura’. Comincio a dubitare. È vero che c’è ancora una forza molto grande per laquale le persone combattono ma tu devi combattere. E questo è difficile, perché non so dove stiamo andando. C’è un’atmosfera così inquietante e colpevole che le persone non osano muoversi troppo. Ieri c’è stata una grande manifestazione, spero che ce ne sarà di più. Dobbiamo svegliarci, non dobbiamo avere paura. Molte persone hanno paura, ma va bene così. La crisi economica sarà assolutamente terribile. La gente ha paura, per la casa, per l’affitto, per tutto, è complicato. Penso che gli artisti abbiano il dovere di aprire la bocca e parlare.

DDV – Siamo in un paese in cui è difficile per molte persone avere accesso alla cultura, andare all’opera, a teatro

Ariane Ascaride -Non è difficile, è impossibile

DDV – Alcuni programmi televisivi, alcuni media, tirano giù le persone. Di proposito?

Ariane Ascaride – Sì. Ma sarò più dura di te. È solo che sono così stupidi che non se ne rendono nemmeno conto. Sono molto contraria a certi programmi televisivi che sono programmi televisivi di reality show, compreso un programma chiamato “Les Marseillais” che è, per me, fascista. Non ho altra parola che quella. È mostruoso mostrare gli esseri umani in questo modo e ciò che è anche terribile e che mi rattrista molto è che ci rendiamo conto di quanto sia entrato nella testa delle persone visto che ci sono persone che accettano di farlo! Perché gli è stato detto che faranno dei soldi, e stanno bene a essere mostrato così, e la loro dignità, non so dove sia finita. Stiamo entrando in una falsa intimità, inoltre, perché è una falsa intimità poiché tutto questo è ancora sceneggiato, si deve sapere anche questo. Questi programmi sono programmi che entrano in bolle chiamate “bolle immaginarie”. Ciò significa che c’è un budget creativo per questo !!! È un disprezzo assolutamente totale. Quel che è terribile è che riusciamo a far disprezzare se stessi ai partecipanti di questi reality show, senza saperlo. Questo è ciò che è gravissimo.

DDV -Quali film hai girato in Italia?

Ariane Ascaride -Ho realizzato un film intitolato ‘L’amore non perdona’ di Stefano Consiglio e un altro film di Isabelle ‘, con il regista Mirko Locatelli.

DDV -Che sono stati ricevuti in che modo in Italia ?

Ariane Ascaride – A Roma, al Festival Nanni Moretti, il Festival dei Primi Film, ho avuto un premio per l’interpretazione. Sono film che chiamiamo film d’autore e quando sai quanto è difficile per gli autori lavorare in Italia … mi sono divertita molto, sono diventata molto amico di Stefano Consiglio. Il film di Mirko Locatelli è stato molto più difficile da girare per me. Con questo film ho ricevuto il premio per l’interpretazione a Cape Town, in Sud Africa.

DDV – Fellini, per te cosa rappresenta?

Ariane Ascaride Un amico che non ho mai incontrato.

DDV -Perché un amico?

Ariane Ascaride -Perché quand’ero piccola, tornata a casa, si parlava già di “La strada“. Poi, dopo, sono andato a vedere il film. La strada è qualcosa che ancora oggi ho sempre accanto a me, ma non solo. “Roma”, tra gli altri, è una meraviglia per me, tutti i film di Fellini. Prima di tutto, è un poeta, è un grande regista. L’umanità che c’è nei suoi film è demoniaca, come solo i grandi poeti possono parlarne. C’è anche questo aspetto. Era un periodo in cui i registi italiani – ma anche Nanni ancora oggi – avevano qualcosa nel loro sguardo sulla gente per strada che in Francia non esiste, nella cultura francese, che è una cultura che mi piace molto, ma c’è sempre qualcosa di congelato. Ci sono geni per secoli, ce ne sono alcuni. Egli è.

DDV – Ha la sua messa in scena ampia, fantasmagorica, onirica, colorata, il suo umanesimo, secondo me, lo avvicina al cinema di Guédiguian.

Ariane Ascaride -Questo è molto carino, forse. Quello che penso, sai, lo ha detto una volta Ettore Scola a Robert, ed è stato qualcosa che gli è rimasto impresso – Ettore Scola è stato sempre molto gentile con noi. Quando ho ricevuto il premio a Roma con ‘Il viaggio in Armenia’, era il presidente della giuria ed era stato davvero adorabile. Un giorno? è venuto in Francia per una grande cosa che si stava organizzando, gli era stato detto “Chi volete invitare” aveva detto “Vorrei invitare Robert Guédiguian” e aveva detto a Robert: “Sei l’ultimo cineasta italiano”. Era davvero molto carino.

DDV – Non è affatto lo stesso modo di girare, ma ho l’impressione che ci sia un filo che collega Fellini a Guédiguian, lo stesso messaggio.

Ariane Ascaride -Forse, è molto difficile per me risponderti, rispondere a questo, perché ci sono dentro, lo faccio. Lo facciamo tutti insieme. Sai, siamo stati entrambi molto cullati, io prima perché la mia famiglia è di origine italiana da parte di mio padre, e allo stesso tempo Robert, molto rapidamente, siamo stati cullati dal cinema italiano, ma davvero tanto. Abbiamo iniziato ad andare in Italia da giovanissimi. Abbiamo un rapporto fortissimo con l’Italia e io, più passa il tempo, più mi sento quasi meglio in Italia che in Francia. C’è una cosa che mi piace moltissimo per aver girato un po ‘in Italia, per aver incontrato persone. So che c’è stato un grande incontro – io non c’ero – tra Bertolucci e Robert. L’Italia per me è ancora la terra dell’arte, tutto qui. Ed è sperimentato in un modo molto più semplice che altrove. È cosi. La bellezza fa parte della vita in Italia. È cosi. E quindi la relazione è molto più semplice. Non sto dicendo che va bene. Non sto dicendo che le persone non se ne preoccupano. Non dico, ma c’è una cosa del genere… Anche quando un ragazzo napoletano va a spasso, anche se è in un quartiere povero, esce, vede cose belle solo camminando per strada. Può sembrargli completamente estraneo e gli è estraneo, ma c’è qualcosa della ‘bellezza‘. Ecco. Non so come dirlo in altro modo e, anche più Robert di me, abbiamo imparato ad avvicinarla. Non l’abbiamo avuto direttamente. Sì, abbiamo avuto la forza delle strade, di ciò che sta accadendo per strada, che è ancora una grande cosa. Passo il mio tempo a dire ai giovani, ai bambini, andate a giocare sul marciapiede. I genitori mi guardano con occhi completamente presi dal panico e io lo capisco, ma mi sembra che sia fondamentale conoscere il mondo andando a giocare sul marciapiede. Oggi siamo in un mondo igienizzato dove gli unici bambini che giocano sul marciapiede sono i figli degli immigrati. Vivo a Montreuil, nella Seine-Saint-Denis, e gli unici bambini piccoli che vedo giocare sul marciapiede quando si tratta di vacanze sono bambini di origine maliana, togolese o congolese. Fellini ce l’ha. Sa raccontare la storia della bellezza della strada.

DDV – Guédiguian, inoltre, racconta, a modo suo, la bellezza della strada e la sua miseria.

Ariane Ascaride – Si. Ho bei ricordi della prima volta che sono stata in Italia. Amo Catania. Quando sono arrivato a Catania , caminando per strada, ci sono palazzi ovunque, anche se un po ‘malandati’. Ti raccontano la storia del mondo, la storia degli uomini. Inoltre, piccolo dettaglio, colleziono elefanti. Quando sono arrivato sono caduta a terra perché il simbolo della città è un * elefante. È stato fantastico, ho pensato tra me e me, questo è un segno del destino.

DDV – Se dovessi darmi un solo titolo dei film di Fellini?

Ariane Ascaride -Un titolo di Fellini? Ah! Sì, è “Le notti di Cabiria“. Mi piace quando inizia a ballare. È unico, è solo unico. È Fellini, il modo in cui veste tutti i suoi personaggi, non lei, tutti loro. È così giusto. Viene dai fumetti e allo stesso tempo è così sorprendente. Quindi, sì, “Le notti di Cabiria”, è un film che adoro.

DDV – Possiamo parlare di Gloria Mundi, 2019? Ho adorato il tuo discorso quando hai ricevuto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione a Venezia

Ariane Ascaride – Odio Matteo Salvini. Lo odio, non hai idea di quanto lo odio. Volevo parlare della questione degli emigranti, ma allo stesso tempo mi piaceva l’idea che andasse in onda sulla televisione italiana. Mi è venuto in questo modo. Di questo ha parlato anche il ragazzo italiano che ha vinto il premio di recitazione. Mi ha resa così felice sentirlo parlare. E comunque sono il prodotto di questo, io, sono il prodotto di questo. I miei genitori hanno preso la barca; sono andati a New York; sono tornati; si stabilirono a Marsiglia. Quindi non mi entra in testa dire che dovremmo lasciare che le persone anneghino. Non lo so, non posso.

DDV – Ariane, quale sarebbe la tua definizione della felicità?

Ariane Ascaride -Ti dico quello che mi disse mio padre quando avevo 17, 18 anni: se un uomo, alla fine della sua vita puo’ aggiungere i piccoli momenti di felicità che ha avuto in tutta la sua vita e cosi compiere una giornata, quindi è un uomo che ha avuto una bella vita. La Felicità, non so cosa sia. Questi sono momenti, tipi di flash. Dopo che posso dirti anche che recentemente ho un nipote di 3 mesi. La mia felicità è assicurarmi di non rovinare troppo questo mondo in modo che possa ancora godere del piacere di camminare sull’erba, guardare gli uccelli, parlare con i vicini, imparare cose, ridendo e piangendo a volte, un po ‘ma non troppo. Sapendo che l’altro esiste.

DDV – Hai qualcosa in particolare da aggiungere?

Ariane Ascaride – Sì, la parola più bella in francese, per me, è “ENSEMBLE”.

* In piazza Duomo, a Catania, una statua di un elefante che sorregge un obelisco egizio, premio il nome di Liotru o Diotru ed è il simbolo della città. Si narra che il famigerato elefante venne chiamato Liotru in onore di un mago: Eliodoro, detto anche Diodoro, Liodoro, Lidoro, ed anche Teodoro.

Biografia di Ariane Ascaride

Nata il 10 ottobre 1954 a Marsiglia, figlia di un impiegato e di un rappresentante di cosmetici, Ariane Ascaride ha studiato sociologia all’Università di Aix-en-Provence. Lì, è entrata a far parte del sindacato studentesco UNEF. Nipote di immigrati napoletani, Ariane Ascaride assiste, da bambina, a spettacoli amatoriali in cui recita con il padre, rappresentante a L’Oréal e appassionato di teatro. Un giorno del 1973, quando aveva appena fatto un intervento sul tema università / datori di lavoro, un giovane venne a congratularsi con lei: era Robert Guédiguian.

L’amore a prima vista è immediato tra il futuro regista e Ariane e la coppia non ci mette molto a sposarsi. “Non sarei arrivato qui se Ariane non fosse venuta a fare un intervento sindacale nel mio anfiteatro“, ha detto il regista a Le Monde nel 2017, spiegando che poi l’ha seguita a Parigi. Ariane si è formata in teatro al Conservatoire national de Paris e si è fatta la gavetta nelle opere di suo fratello. Dagli anni ’80, è diventata la musa del marito e girerà in tutti i suoi film. Nel 1997, ha ricevuto un Cesar per la sua interpretazione nel film di suo marito ‘Marius e Jeannette’. La coppia ha messo in risalto la loro collaborazione e Ariane ha co-sceneggiato Voyage en Arménie nel 2006 mentre continuava a girare per altri registi (Miss Montigny, Cambio di indirizzo …) Ariane Ascaride è membro del comitato di sponsorizzazione del Coordinamento francese per il decennio della cultura della pace e della non violenza. Nel settembre 2018 ha firmato con Juliette Binoche la rubrica contro il riscaldamento globale dal titolo “La più grande sfida nella storia dell’umanità“, apparsa sulla prima pagina del quotidiano Le Monde, dal titolo La chiamata di 200 personalità per salva il pianeta. È membro del collettivo 50/50 che mira a promuovere l’uguaglianza tra donne e uomini e la diversità nel cinema e negli audiovisivi.

GLORIA MUNDI’, un premio dedicato « A coloro che vivono per l’Eternità in fondo al Mediterraneo »

Ariane Ascaride è stata insignita del premio per l’interpretazione femminile – la Coppa Volp – alla Mostra del Cinema di Venezia nel settembre 2019. Questo premio corona la sua interpretazione di una madre coraggiosa nel film Gloria Mundi del marito, il regista Robert Guédiguian, con che ha già girato più di venti lungometraggi. Ricordando che era la discendente di immigrati italiani, giunti in Francia per “fuggire la povertà”, l’attrice francese, nota per il suo impegno politico, ha dedicato il suo premio ai migranti morti in mare, evocando con emozione “coloro che vivono per l’eternità in fondo al Mediterraneo.

Gloria Mundi descrive gli eccessi dell’ultraliberismo e dell’individualismo della società odierna. Ariane Ascaride interpreta Sylvie, una governante sulle barche a Marsiglia, che si rifiuta di fare il sciopero e vuole fare di tutto per aiutare la sua famiglia Mentre sua figlia Mathilda (Anaïs Demoustier), che ha cresciuto da sola, ha appena avuto un bambino, una serie di contrattempi farà precipitare questa famiglia precaria nei problemi più duri.