Asilah: la città fenicia sulla costa atlantica del Marocco

Probabilmente costruita dai fenici come porto commerciale intorno al 1500 a.C., la città fortificata di Asilah, sulla punta nordoccidentale del Marocco, a 42 chilometri a sud di Tangeri, fu la casa di diversi conquistatori e pirati. Dall’aspetto di una città di un’isola greca del mar Egeo, Asilah è una splendida località turistica dagli edifici bianchi.

Nel corso del vostro soggiorno potrete ammirare i bastioni portoghesi del XIV secolo, le antiche porte, le stradine fiorite della Medina e i suoi edifici in stile islamico o andaluso, il palazzo del pascià Raissouni, il Palazzo della Cultura, un edificio che pare una fortezza, un lungomare in stile mediterraneo e piazza El Krikiya, luogo ideale per ammirare il tramonto sull’oceano. La modernizzazione si è fusa con le antiche strutture rendendo la città di Asilah una meta perfetta per gli amanti della storia e del mare. Asilah è famosa, infatti, anche per le sue lunghe spiagge di sabbia fine dorata dove godersi delle passeggiate a cavallo o a dorso di cammello. Bellissime le spiagge di Rmilat, conosciuta anche come Paradise beach, a 30 minuti dalla città, Afriquia Beach, a soli 3 chilometri a nord di Asilah, e Briech Beach solo un po’ più a nord. Da luglio a settembre tra le stradine della Medina di Asilah sono organizzate tantissime manifestazioni culturali tra cui concerti di flamenco, mostre di design e letture di poesi


Dovete sapere che da circa 30 anni, ogni estate, Asilah ospita diverse manifestazioni artistiche ed è per questo che è stata abbellita con la street art di vari artisti che sono passati di qua. Altre sculture le trovate al di fuori delle mura, esposte prima di entrare nel porto.

Asilah (Assilah) o Arsila è un paese non molto grande (25.000 abitanti) che si ubica a 46 Km da Tangeri, lungo la costa atlantica settentrionale marocchina, poco più a nord di Larache (vedi anche Spiagge, Archeologia e Mercati tra Asilah e Larache). È un paese cui economia oggi si basa notevolmente sul turismo e come Chefchaouen mantiene un’immagine e una marca turistica molto ben conservata.


Cosa vedere ad Asilah 

Asilah, infatti, si divide principalmente in due zone principali: la Medina e la “periferia“. Queste due zone, la prima molto più turistica della seconda, sono delimitate dalla muraglia e dalle porte d’accesso: Porta del Mare (dove poter parcheggiare) e Porta di Terra.

La Porta del Mare e la torre El Kamra.

La Medina è il quartiere tradizionale delle città del Marocco, in questo caso le bellissime e curatissime case bianche e azzurre spesso sono affittate a turisti stranieri, i quali possono sì godere della fantastica architettura, ma troveranno poche testimonianze della vita quotidiana marocchina.

La Medina di Asilah, nonostante il grande sfruttamento turistico estivo, merita di essere vista. Oltre all’intricata rete di viuzze e case bianche, sono di rilevanza turistica: l’antica torre di sorveglianza El Kamra, il centro congressi Hassan II e il palazzo di Raissouni.

La classica escursione ad Asilah contempla sicuramente la visita ad un baluardo della muraglia che si estende verso il mare e che sovrasta il cimitero. Da questo punto si avrà, da un lato, l’incredibile vista della Medina affacciata all’oceano, e dall’altro, le bellissime spiagge di sabbia e roccia che circondano la cittadina.

Sorprendentemente, anche la street art caratterizza la Medina di Asilah. Tra le varie case dall’architettura tradizionale, infatti, spuntano numerose belle opere di street art che cambiano ogni anno. Ogni estate, infatti, Asilah ospita un importante festival culturale nella quale diversi artisti “ridipingono” questo museo all’area aperta.

La Medina si affaccia all’oceano.

Come detto, la Porta del Mare e la Bab Hamar (Porta di Terra) collegano la Medina con l’esterno della muraglia. Dopo una prima fascia di ristoranti e attività commerciali dedicate al turismo, inizia la Asilah dei marocchini. In questa zona non ci sono rilevanti attrazioni turistiche, ma è molto interessante curiosare la quotidianità del paese. In questo senso è possibile immergersi nei due mercati di Asilah. Quello piccolo, limitrofo alla Porta di Terra, si sviluppa lungo la muraglia ed è abbastanza tranquillo, l’altro, poco più distante, è uno spazio coperto molto più ampio, caotico, vissuto e con un pungente odore indimenticabile.

Il mercato coperto.

All’esterno della Medina, non molto lontano dalla Porta del Mare, si ubica il più famoso bar di Asilah dove è d’obbligo consumare la unica specialità del locale: il tè marocchino alla menta e molto zuccherato. Tra una bevanda calda e l’altra, ogni sabato sera, in questo particolare e accogliente ambiente, è possibile ascoltare un “concerto” di musica popolare andalusí. Un evento che coinvolge tantissimi uomini locali e solo qualche curioso turista.

L’ora del tè nel bar vicino alla Porta del Mare.

Oltre al tè marocchino ed all’immancabile cous cous, ad Asilah, paese di costa, è possibile mangiare del buon pesce fritto o alla griglia. Un menu molto famigliare in Andalusia.

Segue una bellissima multivisione di ritratti di pittori naïf di Asilah :

Una multivisione di immagini di Asilah :