di Francesca Fabbri Fellini

Federico Fellini_Peppino-Rotunno

Peppino Rotunno nato a Roma il 23 marzo del 1923, ha lasciato questo set, che si chiama vita, all’età di 97 anni. Se ne è andato in punta di piedi.

Peppino era mite, garbato, curioso, intelligente ma soprattutto modesto.La modestia virtù rara nel mondo del cinema. Il suo presupposto era che l’occhio fosse una camera fotografica naturale. 

Ripeteva sempre:

La luce illumina e ti fa vedere le cose, ma bisogna saperla adoperare, perché può diventare un’arma e ferire, accecare, come il sole a picco”. 

Peppino Rotunno_Il Casanova di Fellini

Nell’arco di sessant’anni è stato autore della fotografia in 100 pellicole da Cinecittà ad Hollywood, firmando capolavori come “Amarcord”, “Roma”, “Il Casanova”, “Il Gattopardo”, “Rocco e i suoi Fratelli”, “La Bibbia”, “All that Jazz”, collaborando con grandi registi come Fellini, Visconti, Monicelli, Robert Altman e Sydney Pollack.

Peppino Rotunno aveva un’abilità particolare nel servirsi dei chiaro-scuri e dei negativi a colori “per scrivere il film con la luce” come diceva il suo amico Federico Fellini.

Lo voglio ricordare nel nostro ultimo incontro nel 1995 in occasione di una mia intervista per il documentario: “Ricordando Fellini”.

PEPPINO-ROTUNNO_disegno-di-F.FELLINI

Francesca Fabbri Fellini intervista Peppino Rotunno – 1995

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto