Fotografia Cinematografica

Home/Fotografia Cinematografica
Fotografia Cinematografica2020-12-15T18:51:08+01:00

Quando parliamo di un film generalmente tendiamo a snobbare le figure professionali “minori” che ne curano la sua realizzazione. Tra queste vi è il direttore della fotografica, colui il quale si occupa di gestire tutto quello che riguarda la luce, la resa delle immagini e che crea l’atmosfera durante le sequenze. Il cinema senza la fotografia non esisterebbe.

Per Federico Fellini  “Il film si scrive con la luce”

Cinema e Fotografia: l’importanza delle immagini nella settima arte

Quando parliamo di un film generalmente tendiamo a snobbare le figure professionali “minori” che ne curano la sua realizzazione. Tra queste vi è il direttore della fotografica, colui il quale si occupa di gestire tutto quello che riguarda la luce, la resa delle immagini e che crea l’atmosfera durante le sequenze. Il cinema senza la fotografia non esisterebbe.

I film sono il frutto del lavoro di un gran numero di professionisti, tutti specializzati in vari settori. Nonostante i meriti vadano sempre al regista, al produttore, agli attori e a volte agli sceneggiatori che spesso coincidono con il direttore del film, vi lavorano una serie di figure spesso dimenticate – tranne quando magari hanno una nomination ai premi Oscar – ma di vitale importanza. Trucco e parrucco, montaggio, colonna sonora, tecnici del suono o delle luci, scenografie e così via sono elementi determinanti del successo di una pellicola, ed è raro che il grande pubblico, se non quello più attento e coinvolto in prima persona, se ne renda conto.

Tra tutti questi ruoli, particolare rilevanza ha quello del direttore della fotografia. La fotografia nel cinema è uno di quei molteplici elementi imprescindibili ed essenziali per la buona riuscita di un film. La fotografia è la luce: cupa, vivace, calda, fredda, naturale, artificiale, qualsiasi essa sia rappresenta tutto ciò che definisce un’immagine ed è per questo l’aspetto peculiare di un film. Pensiamo ad esempio alle espressioni dei protagonisti, queste sono aiutate, modellate e rese vive dalle inquadrature e dal gioco di luci messo in atto dall’addetto ai lavori che ha la capacità di imprimere essenza ad un racconto e renderlo particolare.

Per chi non lo sapesse, c’è una stretta connessione tra il lavoro di un regista e quello di un direttore della fotografia. Quest’ultimo è colui che decide come illuminare e come inquadrare una sequenza ed è una delle figure professionali più importanti di tutta la troupe, in quanto è il responsabile dell’impatto visivo delle immagini sullo spettatore. Un ruolo che potremmo definnire a metà strada tra l’aspetto tecnico e quello artistico. A volte i due ruoli – quello del regista e quello del direttore della fotografia che in molti credono sia la stessa persona – si contrappongono, si invertono, si mischiano, si contaminano e camminano di pari passo fino a diventare una cosa sola. Non a caso infatti, molti dei capolavori della settima arte sono frutto di storici sodalizi tra grandi registi e direttori della fotografia.

La photographie c’est la vérité et le cinéma c’est vingt-quatre fois la vérité par seconde…”

Jean-Luc Godard

Esattamente come succede con delle foto scattate singolarmente, anche le immagini cinematografiche sgorgano da affluenti tecnici a misura d’uomo. Il lavoro del direttore di fotografia riguarda la composizione dell’inquadratura, la disposizione delle luci, il controllo dei movimenti della macchina da presa, le scelte stilistiche sull’angolo di ripresa e la scelta dell’obiettivo, così come il piano di messa a fuoco, l’apertura del diaframma per l’esposizione voluta, la distanza e la profondità di campo. Tutti aspetti che hanno bisogno di altrettante figure professionali coinvolte, non da ultimo il ruolo del regista determinante in alcune scelte. Cinema e fotografia sono due facce della stessa medaglia. D’altronde non a caso la settima arte dei fratelli Lumière è un’evoluzione della fotografia.

Tra i tanti direttori della fotografia ricordiamo Emmanuel Lubezki, Roger Deakins, Andrew Lesnie (tutti e tre premi Oscar) ma anche un’altra leggenda vivente, tutta italiana, ovvero Vittorio Storaro – a mio avviso il migliore – vincitore di ben tre statuette, tra cui una per Apocalypse Now.

Sono andato all’origine della parola: foto-grafia, letteralmente scrittura con la luce. Chi fa foto-grafia scrive con la luce la storia del film, come il compositore la scrive con le note, come lo sceneggiatore o lo scrittore la scrive con le parole”.

Vittorio Storaro

Peppino Rotunno

by |Febbraio 21st, 2021|Categorie: Fotografia Cinematografica, Storia del Cinema|

In ricordo di Peppino Rotunno di Alfredo Baldi Alla fine del 2008 l'Associazione Culturale Il Crogiuolo e l'Associazione Culturale Augusto Genina vollero onorare la memoria dell'illustre regista Augusto Genina, deceduto 50 anni prima, organizzando una retrospettiva dei suoi film più importanti. Genina (1892-1957) è stato tra i più noti e [...]

Ricordando Peppino Rotunno

by |Febbraio 20th, 2021|Categorie: FELLINI STORY, Fotografia Cinematografica, Storia del Cinema|

di Francesca Fabbri Fellini Federico Fellini_Peppino-Rotunno Peppino Rotunno nato a Roma il 23 marzo del 1923, ha lasciato questo set, che si chiama vita, all’età di 97 anni. Se ne è andato in punta di piedi. Peppino era mite, garbato, curioso, intelligente ma soprattutto modesto.La modestia virtù rara [...]

Vittorio Storaro

by |Dicembre 12th, 2020|Categorie: Fotografia Cinematografica, Storia del Cinema|

Nato a Roma il 24 giugno del 1940, figlio di un proiezionista della Lux Film, già all'età di 11 anni comincia a studiare fotografia presso l'istituto Tecnico di Roma "Duca d'Aosta" e successivamente al Centro Sperimentale di Cinematografia. Vittorio Storaro - 2018 - © Photo by Graziano Villa [...]

Tonino Delli Colli

by |Novembre 6th, 2020|Categorie: Fotografia Cinematografica, Storia del Cinema|

Un Maestro della Fotografia Cinematografica Tonino Delli Colli fa il suo ingresso nel cinema nel 1938, dopo aver abbandonato gli studi, iniziando come assistente di Ubaldo Arata e Mario Albertelli a Cinecittà. Durante la guerra esordisce come direttore della fotografia nel film Finalmente sì (1943), diretto da László Kish, una [...]

Blasco Giurato

by |Settembre 11th, 2020|Categorie: Cortometraggio, Fotografia Cinematografica, LA FELLINETTE|

Inizia giovanissimo la sua carriera come documentarista e cinereporter. Collabora attivamente con l’Unitelfilm (sezione cinema del partito Comunista) filmando eventi storici (funerale di Palmiro Togliatti, moti studenteschi, periodo terrorista ecc). Nel '67 diventa operatore di macchina con la fortunata serie televisiva di Ugo Gregoretti “il Circolo Pickwick". Collabora come operatore alla [...]

Torna in cima